Ecco le parole che sono motivo di orgoglio per ogni Produttore Italiano. Il Made in Italy è un prestigio antico. Si basa sulla creatività che sposa qualità ed inventiva. Il Made in Italy dalla moda alle calzature, dall’arredamento alle invenzioni e alle scoperte scientifiche, da sempre ci distingue nel mondo.

E’ una legittima aspettativa dei produttori italiani veder valorizzata la propria creatività e capacità manifatturiera. Tuttavia solo un’adeguata promozione e valorizzazione del prodotto può migliorare la competitività delle piccole e medie imprese italiane. L’Italianità del marchio contribuisce all’immediato riconoscimento del prodotto che se ne fregia e lo eleva in termini di qualità oltre che di immagine generale.

Scegliere quindi il made in Italy ha molti significati che vanno ben oltre le valutazioni sulla qualità e sulla sicurezza dei prodotti.

Ecco 7 motivi per comperare italiano e per chiedere l’etichetta d’origine:

CREATIVITA’. Storicamente, la moda italiana è fra le più ricercate al mondo. I grandi stilisti che conosciamo non sono nati dal nulla: ricerca, innovazione e molto, moltissimo, buon gusto è un’importante dote che possiamo e che dovremmo ereditare e fare nostra. In questo modo possiamo garantire che l’eccellenza italiana si rinnovi fortificandosi, senza appiattirsi e uniformarsi alle logiche di un mercato creativo globale.

SICUREZZA. Il made in Italy è più sicuro: l’Italia ha un sistema di controlli tra i più severi e più accurati del mondo, in tutte le fasi della filiera produttiva. Tante materie prime importate e a maggior ragione i prodotti stranieri non sono così garantiti.

LAVORO. Dalla produzione delle materie prime, alla trasformazione, alla logistica e alla vendita: un prodotto italiano dà lavoro nel nostro Paese lungo tutta la filiera produttiva.

RICCHEZZA. Le filiere tutte italiane fanno crescere il Pil, a differenza della delocalizzazione produttiva che sposta la creazione di ricchezza condivisa fuori dal nostro Paese.

VALORE. Un indumento o un paio di scarpe, italiani al 100% permettono di dare il giusto valore a tutte le componenti della catena produttiva, dall’origine alla vendita. Chi li importa o utilizza materie prime o semilavorati non italiani, li paga molto meno. E il consumatore ha diritto di saperlo.

MARGINI. Il vero made in Italy garantisce ai produttori di materie prime i margini per rendere profittevole la loro attività.

TASSE. Un prodotto italiano al 100% genera anche introiti importanti per il Fisco e gli enti previdenziali. Se tutte le fasi della lavorazione avvengono in Italia si pagheranno qui pure le tasse sul lavoro e sugli utili d’impresa. Oltre a versare i contributi nelle nostre casse pensionistiche.